Casa Martini apre le porte con una veste totalmente rinnovata



Parla Marco Budano, Martini Brand Homes General Manager.


Quali sono le ultime novità in Casa Martini?

Lo scorso settembre Casa Martini ha aperto le proprie porte ai visitatori in una veste completamente rinnovata, dando la possibilità di scoprire non solo la storia del brand, ma anche il processo di selezione e lavorazione dei diversi ingredienti, dalle erbe aromatiche ai vini, fino ai delicati passaggi a cura del Master Blender. I visitatori potranno trovare manufatti realizzati dall’uomo, come strumenti tecnici per l’enologia, tavole illustrate, rari volumi e documenti d’archivio, e spazi dedicati alle più importanti piante aromatiche godendo di una ricca esperienza olfattiva.

La grande novità del Discovery Tour è la visita nello stabilimento, il più grande per capacità produttiva di tutto il Gruppo Bacardi, là dove la magia avviene per davvero.

Quale prodotto di Casa Martini non può mancare sotto l'albero di Natale?

Consigliamo la stessa Casa Martini! Visite, esperienze e shopping diventano reali anche a distanza e sono acquistabili come idea regalo. Abbiamo ideato delle nuove modalità di visita con esperienze virtuali e interattive che ben si adattano al momento contingente, come per esempio la Martini Cocktail Experience Home Edition con tanto di prodotti e accessori spediti a domicilio!

A chi non vuole farsi mancare nulla consigliamo il prestigioso cofanetto Martini Gran Lusso Limited Edition, invecchiato in botti di rovere per almeno sei mesi e prodotto in sole 2000 bottiglie numerate.


Qual è il valore dell'analisi sensoriale nella vostra realtà?

Se ci riferiamo alla realtà di Casa Martini, l’analisi sensoriale è parte integrante del Discovery Tour. Se parliamo di Martini & Rossi, l’analisi sensoriale è fondamentale per garantire la qualità di tutti i nostri prodotti. Ogni singolo lotto di prodotto, infatti, è valutato in sala assaggi da un panel di almeno otto giudici che ne certificano la conformità ai nostri standard qualitativi. Inoltre, l’analisi sensoriale non è indispensabile solo per la valutazione dei prodotti finiti: ogni singolo ingrediente, dai vini, agli estratti, alle erbe viene infatti valutato sensorialmente prima di essere utilizzato nel processo di produzione.

0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti