Come fotografare un prodotto



In analisi sensoriale tutto è possibile, persino fotografare un prodotto. Lasciate a casa la macchina fotografica, in questo caso quella non serve, ma ascoltate voi stessi e le vostre percezioni.


Vi è mai capitato durante una fiera di vedere persone con un taccuino e una penna in mano e scrivere appunti mentre assaggiano? Ecco in quel caso cercano di aiutarsi a memorizzare il prodotto e quanto stanno percependo. Appunteranno le sensazioni principali e qualche parola chiave così da ancorare il tutto alla memoria e ricordarselo nel tempo.


Anche in analisi sensoriale durante i panel test "prendiamo appunti". I giudici assaggiano i prodotti e compilano schede studiate ad hoc. Possiamo avere schede a descrizione libera, dove sono i giudici stessi a scrivere ciò che stanno percependo, per esempio il profumo di cioccolato o di liquirizia in un caffè o i sentori di frutti rossi e note speziate in un vino rosso e così via. Nelle schede invece con descrittori codificati si limitano a utilizzare la scala dove indicano il valore di percezione dello stesso.


I dati prodotti durante il panel test sono successivamente elaborati e con l'uso della statistica si valida il profilo del campione valutato. Ecco qui che nasce la fotografia del prodotto, un vero e proprio ritratto sensoriale.

4 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti